Deborah è la nostra esperta di fitness. Ha studiato Scienze Motorie e Sportive ed è istruttrice di fitness. Grazie alle sue competenze è in grado di creare programmi di allenamento invididuali e gratuiti e di mostrarti come ottimizzare il tuo esercizio fisico.

Credo che attraverso la giusta alimentazione, lo sport e l’allenamento mentale la qualità della vita possa essere migliorata notevolmente, le malattie possano essere prevenute, alleviate o addirittura curate. Il fitness non ha che fare solo con l’aspetto, ma anche e soprattutto con la qualità della vita.

Non a caso, il tema della sua tesi di laurea era “La depressione e il fitness come alternativa efficace al trattamento convenzionale”.

Nel corso del suo lavoro pluriennale come istruttrice di fitness ha potuto constatare giornalmente quanta ignoranza o scarsa conoscenza sia diffusa in questo settore. Non tutti gli esperti di fitness sono uguali. Con i suoi articoli vuole fare un po’ di chiarezza in merito e dimostrare che il fitness è alla portata di tutti.

Durante la sua esperienza in palestra ha incontrato una grande varietà di clienti, ognuno con un obiettivo diverso da raggiungere. C’era chi voleva perdere peso, chi sviluppare i muscoli o semplicemente rimettersi in forma. Ogni cliente ha bisogno di un programma di allenamento e di consigli nutrizionali personalizzati.

conoscenze all’interno del nostro Magazine. I suoi programmi di allenamento sono divertenti ed efficaci: il successo è garantito. E se hai una motivazione bassa, lei riesce sempre a farti vincere la pigrizia.

Cos’altro le piace? Beh, alcune persone collezionano francobolli, lei invece colleziona tattoo. È proprio un suo marchio di fabbrica. Per il resto ama il buon cibo e la buona lettura.

Il prodotto foodspring preferito di Deborah:

Essendo una grande fan del cocco, ovviamente adora tutti i prodotti che lo contengono, in particolare le Proteine Whey al cocco croccante o la Crema Proteica al cocco. Inoltre le piacciono molto anche le Daily Vitamins e le capsule di Omega 3.


Posts by Deborah Werner: