lett. 2 min

Uno studio svela il segreto per non dimenticare più nulla 

Mindfulness contro la smemoratezza

Oggi le chiavi, domani il portafogli: anche tu sei una persona che dimentica sempre qualcosa nella fretta? Allora dovresti abituarti a meditare. Secondo uno studio recente, il tuo cervello ti può aiutare a ridurre le sviste nella vita quotidiana. In questo articolo ti sveliamo quale pratica meditativa scegliere.

Inoltre puoi fornire più energia al cervello assumendo le nostre Capsule Omega 3, che contribuiscono alla normale funzione cerebrale e visiva*.

Ormai è risaputo che la meditazione influisce positivamente sulla nostra mente, ma sapevi che permette anche di riprogrammare il cervello a essere meno distratto e a fare meno errori? Questo è quanto scoperto dagli scienziati della Michigan State University durante uno studio.

È noto che diverse tecniche di meditazione possono favorire vari cambiamenti cognitivi nel cervello, ma è ancora poco studiato il modo in cui la meditazione mindfulness influisca soprattutto sul riconoscimento degli errori.

Svolgimento dello studio

Il coautore dello studio Jeff Lin e i suoi colleghi hanno fatto seguire una meditazione mindfulness guidata di 20 minuti a più di 200 partecipanti che non avevano alcuna esperienza in questo campo.

Diversamente da altre tecniche di meditazione che si concentrano ad esempio sul respiro, questa tipologia si focalizza soprattutto su ciò che accade in quel momento nel corpo e nella mente. L’obiettivo è osservare tutti i pensieri che affiorano senza giudicarli.

Durante la meditazione guidata, l’attività cerebrale dei partecipanti è stata documentata tramite una elettroencefalografia (EEG). Una volta terminata questa pratica, i soggetti di studio hanno svolto un test computerizzato il cui obiettivo era mettere alla prova la loro concentrazione.

Dopo la meditazione il cervello riconosce più facilmente gli errori

Dalla valutazione di questo test, gli studiosi hanno constatato che la meditazione ha favorito l’aumento dell’attività cerebrale responsabile del riconoscimento degli errori.

“L’EEG può misurare l’attività cerebrale nell’ordine dei millisecondi, quindi ci ha permesso di rilevare con precisione in che modo l’attività neurale varia subito dopo gli errori rispetto a quando si forniscono risposte corrette”, questo è quanto afferma Lin. Possiamo quindi dedurre che le persone che meditano regolarmente sono meno inclini a compiere errori di distrazione oppure a dimenticare le cose.

Puoi supportare al meglio le tue prestazioni mentali** con il nostro Daily Protein + Fokus che contiene proteine di alta qualità, minerali e vitamine preziosi, così come un estratto della radice di Ginseng.

20 minuti di meditazione sono sufficienti

“È affascinante vedere come perfino una meditazione così breve possa incrementare la capacità del cervello di riconoscere e correggere gli errori”, queste le parole del coautore Jason Moser. Inoltre aggiunge che: “Questo conferma che possiamo utilizzare quotidianamente la mindfulness come mezzo per migliorare in poco tempo le nostre prestazioni mentali”.

In breve

Vale la pena provare a meditare! Oltre a un miglioramento delle prestazioni cerebrali, ogni tecnica offre molti benefici: impari a rilassarti consapevolmente, diventi più resistente allo stress e acquisisci maggiore calma nella quotidianità. Inoltre chiunque può imparare questa pratica e inserire una breve meditazione nella vita di tutti i giorni.

Altri articoli utili di foodspring

*Il DHA contribuisce al mantenimento della normale funzione cerebrale e della capacità visiva. Si ottiene un effetto positivo assumendo 250 mg di DHA al giorno.

**L’acido pantotenico favorisce le normali prestazioni mentali.

Fonti dell'articolo
Il team editoriale di foodspring è composto da specialisti della nutrizione e dello sport. Ci affidiamo a studi scientifici per redigere ogni nostro articolo. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra politica editoriale.

Articoli correlati