lett. 5 min

Datteri: uno snack dolcissimo tutto al naturale

datteri
Giornalista freelance
Carina è una giornalista freelance e scrive i nostri articoli di nutrizione e lifestyle

Con il loro gusto particolarmente dolce, i datteri non sono solo uno spuntino goloso, ma anche sano. Come guarnizione in un’insalata o con lo yourt per colazione, tritati finemente in un frullato o interi per uno spuntino tra i pasti. Non ne abbiamo mai abbastanza dei piccoli frutti marroni dall’Oriente! Leggi il nostro articolo per scoprirne tutte le proprietà e i mille modi di gustarli.

Datteri: caratteristiche e origini

Chi ha un debole per i dolci non può certo resistere davanti a succosissimo dattero. Alle nostre latitudini vengono consumati per lo più essiccati e sono uno snack ideale quando la fame si fa sentire. Rispetto alle merende di produzione industriale presentano infatti un vantaggio a dir poco imbattibile: oltre a essere dolcissimi, i datteri sono anche incredibilmente sani. Chi mai direbbe che un frutto così piccolo possa contenere tante fibre, minerali, oligoelementi e vitamine?

Ma prima di dare un’occhiata alle sue caratteristiche nutrizionali cerchiamo di scoprire di più sulle origini di questo snack esotico. I datteri provengono dai Paesi orientali, in particolare dall’area del Golfo Persico. E l’uomo ne va ghiotto ormai da millenni: pare infatti che la palma da dattero, su cui cresce il frutto, risalga addirittura all’antica Mesopotamia.

Per i beduini, grazie all’elevato contenuto di nutrienti, il cosiddetto “pane del deserto” è addirittura considerato un alimento di base, che permette di sopravvivere a lungo senza patire la fame.

I datteri che troviamo sugli scaffali dei nostri supermercati, per lo più delle varietà Medjool e Deglet Nour, sono originari soprattutto di Tunisia, Algeria e Marocco, ma anche di Egitto, Arabia Saudita e Iran. In questi Paesi le file di palme da dattero occupano intere coltivazioni dove, in quanto pianta tipica del deserto, trovano tutto quello di cui hanno bisogno, ossia sole e acqua a volontà.

Una volta raccolti, i datteri vengono lavorati per produrne bevande alcoliche, aceto o olio, oppure vengono venduti freschi. In Europa conosciamo bene i datteri secchi, che sono il risultato di un processo di essiccazione del frutto, a cui viene sottratta l’acqua. A seconda della varietà, queste piccole gemme possono assumere colorazioni diverse, che vanno dai toni del giallo a quelli del rosso, del marrone e del nero.

Sostanze nutrienti: ecco cosa contiene un dattero

Con il loro gusto dolce simile a quello del miele, i datteri sono capaci di ammaliare tutti i palati. Ma che cosa contengono questi deliziosi frutti? Innanzitutto sono ricchi di fibre e sostanze minerali, ma anche di oligoelementi e vitamine; tra queste in particolare la vitamina A, B e C, oltre ad elevate quantità di potassio e ferro. In questi frutti non mancano nemmeno calcio  e magnesio così come il tripftofano, un amminoacido dagli effetti particolarmente positivi su riposo e umore.

Se parliamo di sostanze nutritive è tuttavia necessario differenziare tra i datteri freschi e quelli secchi: i primi contengono infatti meno sostanze minerali ma sono particolarmente ricchi di vitamina C, mentre la variante essiccata presenta più proteine, fibre e minerali – addirittura il doppio nel caso del potassio. I datteri secchi tuttavia sono contraddistinti anche da un contenuto calorico superiore.

Ecco una panoramica dei valori nutrizionali:

100 g di datteri essiccati

Energia (kcal) 285 kcal
Grassi 0,5 g
Carboidrati 66,1 g
Proteine 2 g
Fibre 8,8 g
Acqua 20 g
Acidi grassi saturi 0,1 g
Sale 0,2 g
Potassio 659 mg
Ferro 1.933 µg

Datteri: più sani che mai!

Analizziamo ancora più da vicino le sostanze nutritive contenute nei datteri per scoprire tutti i benefici che possono apportare. L’elevato contenuto di fibre, ad esempio, rende questa prelibatezza un alleato dell’intestino, soprattutto se consumato in grandi quantità. Oltre a favorire la digestione, il consumo di datteri aiuta anche a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo.

Per non parlare poi delle vitamine: il beta carotene in essi contenuto, precursore della vitamina A, è infatti noto per la capacità di regolare la crescita cellulare nell’organismo, stimolando al tempo stesso il sistema immunitario. La presenza di vitamina B accelera inoltre il metabolismo.

E non è finita qui, dato che nei datteri è presente anche un’elevata quantità di antiossidanti, che proteggono le cellule dai radicali liberi e, di conseguenza, da diverse malattie. In questo frutto orientale troviamo inoltre flavonoidi, polifenoli e carotenoidi: se i primi aiutano a ridurre le infiammazioni, i polifenoli hanno proprietà antiinfiammatorie e i carotenoidi favoriscono la salute del cuore.

Parrebbe inoltre che, per via dell’elevato contenuto di vitamina A, i datteri abbiano un effetto particolarmente benefico per gli occhi, mentre la presenza di potassio, magnesio e ferro gioverebbe al sistema cardiovascolare. Dulcis in fundo, questo frutto conferirebbe addirittura un aspetto migliore alla pelle!

Datteri: bombe caloriche o frutti a tutta salute?

Come abbiamo visto la versione essiccata, particolarmente apprezzata alle nostre latitudini, è molto più ricca di calorie rispetto al frutto fresco. Ma gli amanti dei datteri non hanno nulla da temere, poiché i datteri forniscono al tempo stesso energia in modo rapido ed efficace. Una vera mano santa per gli sportivi!

E l’elenco delle proprietà prosegue: garantiscono infatti anche un senso di sazietà che dura a lungo e placano gli attacchi di fame evitando picchi glicemici, a differenza dei dolci prodotti a livello industriale. Ecco perché sono un’ottima alternativa allo zucchero, perfetti per dare una nota di dolcezza in più ai frullati o alle bowl della colazione.

Quanti datteri al giorno?

Se hai voglia di qualcosa di dolce, qualche dattero può fare senz’altro al caso tuo, ma attenzione a non esagerare: dato l’elevato contenuto di calorie e zuccheri si consiglia di consumarne tra i 3 e i 5 al giorno. Questa quantità soddisfa comunque anche i palati più golosi, dato il senso di sazietà che garantiscono.

Un consiglio: variare fa sempre bene! Per evitare un’“indigestione” di datteri prova anche ad alternarli con la frutta secca, anch’essa ricca di sostanze nutritive.

Gustose ricette a base di datteri

I datteri, magari avvolti nella pancetta o serviti con un po’ di formaggio, sono perfetti per uno spuntino e si prestano per preparare mille ricette dalle note agrodolci. Questi frutti conferiscono infatti a numerosi piatti una nota di originalità grazie al loro gusto unico. Sei in cerca di ispirazione? Allora dai un’occhiata alle nostre due proposte, perfette per creare piatti semplici e arricchite da sua maestà, il dattero.

Zuppa di pomodoro con datteri

  • Ingredienti per due porzioni: ¼ di cipolla, 1 barattolo di pomodori, sciroppo d’acero, olio d’oliva, sale, cannella, tabasco, aceto balsamico, 2 noci di macadamia, 2 datteri secchi privati del nocciolo
  • Tritare finemente la cipolla, scaldare un filo d’olio in una pentola e rosolarla fino a doratura
  • Aggiungere un cucchiaio scarso di sciroppo d’acero per caramellare la cipolla
  • Ora passiamo ai pomodori in barattolo: rimuovere eventuali gambi e aggiungerli alla cipolla
  • Far sobbollire il tutto per un paio di minuti, quindi schiacciare bene o ridurre in purea
  • Insaporire a piacere con un pizzico di sale, un po’ di cannella, tabasco o aceto balsamico e lasciar cuocere ancora per un paio di minuti
  • Tagliare finemente i datteri e le noci di macadamia e aggiungerli alla zuppa per impreziosirla

Crema di menta e datteri

  • Ingredienti per due porzioni: 50 g di feta, 50 g di formaggio cremoso fresco, mezzo peperoncino, ½ cucchiaino di miele, ½ rametto di menta, sale, 4 datteri secchi privati del nocciolo
  • Lavare la menta e rimuoverne le foglie
  • Sminuzzare i datteri e mescolarli in una ciotola insieme al formaggio fresco e alla feta
  • Mescolare il tutto con le fruste aggiungendo poi un pizzico di sale, il miele e il mezzo peperoncino tritato finemente
  • Servire con il Pane Proteico Vegano o come salsina per accompagnare piatti di pesce e verdure grigliate

Ovviamente alla fantasia non ci sono limiti e i datteri si prestano a mille creazioni diverse. Tra le ricette del nostro magazine troverai tante altre proposte che esaltano il gusto di questo frutto esotico.

Datteri: in breve

  • Originari dell’Oriente, alle nostre latitudini i datteri vengono gustati per lo più  essiccati.
  • Questo frutto è ricco di fibre e sostanze nutrienti, così come di minerali e antiossidanti.
  • Tra le varie proprietà che possiedono, favoriscono la digestione e accelerano il metabolismo.
  • Oltre a essere un’alternativa naturale allo zucchero, forniscono un senso di sazietà che dura a lungo.
  • I datteri possono essere gustati da soli, ma anche usati come ingrediente per preparare numerose ricette.

Altri articoli interessanti di foodspring:

Fonti dell'articolo
Il team editoriale di foodspring è composto da specialisti della nutrizione e dello sport. Ci affidiamo a studi scientifici per redigere ogni nostro articolo. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra politica editoriale.

Articoli correlati