2 min read

Come superare una fase di stallo nelle prestazioni sportive

By: Ignacio Heredia

Segui la stessa routine di allenamento diversi giorni alla settimana da qualche mese. Hai cambiato il tuo regime alimentare e hai persino comprato delle attrezzature nuove, ma la tua performance non migliora e non raggiungi i tuoi obiettivi. Sembra proprio che tu stia vivendo una fase di stallo delle prestazioni sportive (nota anche come effetto plateau) che ti impedisce di portare il workout al livello successivo. Niente panico. La prima cosa che devi sapere è che questa situazione non durerà per sempre. La seconda, è che non è colpa tua. Sono molteplici i fattori che impediscono di raggiungere i propri obiettivi.

Cos’è lo stallo delle prestazioni sportive o effetto plateau?

“L’effetto plateau è un fenomeno passeggero che fa riferimento allo stallo o alla regressione di un atleta durante un periodo di tempo, in seguito a un miglioramento delle performance sportive”, spiega l’esperto in analisi dello sport Wu Xiangming. Durante tale periodo, l’atleta non sarà in grado di dare il massimo.

Non riesci a correre più in fretta, fare più ripetizioni o sollevare più peso? Potresti iniziare a demoralizzarti, ma non devi preoccuparti. Wu Xiangming sostiene che “quando l’effetto plateau sarà terminato, le tue prestazioni miglioreranno di nuovo”.

Quindi, rilassati e continua a leggere. Qui troverai una serie di consigli o suggerimenti da seguire per superare questo momento, progredire nei tuoi allenamenti e ritrovare l’umore giusto. Vediamo di cosa si tratta:

Rivedi i tuoi obiettivi: essere determinati nel raggiungere i propri obiettivi è importante, ma questi devono essere realistici. Forse stai cercando già da un po’ di battere un nuovo record e, nonostante tutti i tuoi sforzi e il tempo che passi ad allenarti, non ci riesci. È il momento di ripensare ai tuoi obiettivi. Ci sono diverse strategie per non perdere la motivazione e realizzare le proprie aspirazioni. Il metodo WOOP, ad esempio, ti aiuta a stabilire le tue priorità e a modificare la tua routine.

L’importanza del riposo: dormi abbastanza e bene? Un riposo di qualità è importante tanto quanto un buon allenamento. Sono molteplici gli studi che dimostrano che la mancanza di sonno riduce l’attività delle vie della sintesi proteica e accelera l’attività delle vie di degradazione. Ciò provoca la perdita di massa muscolare e rende più difficile il recupero post-allenamento. Inoltre, non dormendo a sufficienza rendiamo il nostro corpo più propenso alle lesioni. Esistono integratori come la melatonina che possono aiutarti. Dai uno sguardo alla nostra guida per dormire meglio. Ad ogni modo, assicurati di riposare abbastanza se vuoi ottenere dei risultati nei tuoi workout.

Attenzione al sovrallenamento: non riesci a dormire? Ti senti a pezzi? Ti arrabbi spesso e sei di cattivo umore? Sono tutti sintomi da sovrallenamento. Se ti alleni regolarmente e in maniera intensa, devi fare attenzione a questi segnali: sono un chiaro suggerimento che dovresti rallentare un po’ il ritmo. Essere carichi quando ci si allena va benissimo, ma può essere controproducente e provocare lesioni e stanchezza.

Approfitta di ciò che offre la nutrizione sportiva: il mondo della nutrizione sportiva è in auge, il suo scopo è quello di favorire lo sviluppo muscolare e la resistenza cardiovascolare, riducendo l’accumulo di grasso. Mangiare bene è fondamentale e lo è anche fare un uso corretto degli integratori. Sappiamo che definire il proprio regime alimentare può essere frustrante perché sono troppe le nozioni necessarie. Affidati, quindi, a un professionista che ti aiuterà ad elaborare un piano nutrizionale in base ai tuoi allenamenti, per farti raggiungere risultati ottimali.

Utilizza la distrazione passiva: mantenere la mente occupata mentre si fa sport aiuta a sopportare meglio lo sforzo. Secondo Marcelo Bigliassi, professore di psicofisiologia della Florida International University, la giusta playlist o l’ultimo episodio del tuo podcast preferito possono aumentare la motivazione e rafforzare i segnali cerebrali che ordinano ai muscoli di attivarsi. L’esperto, poi, ci spiega in uno studio pubblicato sulla rivista Physiology & Behavior, che l’attenzione esterna aiuta il cervello a proteggersi dalle conseguenze della stanchezza che incidono sulle prestazioni sportive.

Che sia rock, hip-hop, pop o elettronica, la musica perfetta per l’allenamento è quella che più ti carica. La canzone con cui dai il meglio, un podcast o un audiolibro ti aiuteranno ad astrarti e ti faranno dimenticare lo sforzo.

Altri articoli interessanti di foodspring:

Article sources
We at foodspring use only high-quality sources, including peer-reviewed studies, to support the facts within our articles. Read our editorial policy to learn more about how we fact-check and keep our content accurate, reliable, and trustworthy.