lett. 4 min

Decluttering: il metodo Konmari per mettere ordine nella tua vita

Content Editor & nutrizionista
Leyla è nutrizionista. Si occupa degli articoli relativi ad alimentazione e stile di vita sano, oltre che di creare i nostri piani alimentari gratuiti.

C’è chi ritiene che mettere in ordine sia un’azione sopravvalutata perché nel caos si cela la creatività. Non sei d’accordo? In questo articolo troverai consigli preziosi per porre fine al disordine che regna in casa tua.

Il metodo KonMari

Il termine riordinare è ormai obsoleto, oggi si dice decluttering. E l’argomento non viene trattato solo in numerosi libri, ma anche in programmi tv di successo. Questa moda è da ricondurre al talento organizzativo della giapponese Marie Kondo.

Il suo sistema è semplice ed efficace: le cose che non ti rendono felice vanno eliminate. Il decluttering è un atto liberatorio che influenza la tua vita in modo positivo. Lìberati delle zavorre materiali e poni le basi per un futuro ordinato e organizzato.

Non per niente si dice che l’ordine esteriore riflette quello interiore. Con i nostri consigli mantieni la concentrazione ancora più a lungo. 

Il metodo KonMari è diverso in un punto fondamentale rispetto al riordino classico: non decidi cosa tenere in base a ciò che ti serve, ma in base a ciò che ti porta gioia. Gli oggetti che non ti rendono felice non hanno motivo di rimanere nella tua vita, neanche nascosti in un angolo dell’armadio, e vanno buttati o regalati.

Decluttering
©Westend61

Vediamo i diversi passaggi.

Decluttering per categorie

Prima di mettere in ordine bisogna decidere che cosa tenere e sbarazzarsi delle cose inutili. Per fare questo, procedi per tipologia, non per stanza. Dividi gli oggetti in categorie e incomincia con quella a più basso impatto emotivo.

Marie Kondo consiglia di seguire quest’ordine: vestiti, libri, carte e documenti, oggetti vari e infine ricordi (foto, lettere, ecc…), che rappresentano la parte più difficile.

Hai ancora un lettore mp3 non funzionante nel cassetto? Gli oggetti rotti vanno buttati immediatamente: non servono più al loro scopo e non presentano quindi alcun beneficio.

Sottocategorie

Per non perdere la visione d’insieme, è utile creare anche delle sottocategorie: dividi i vestiti in estivi e invernali, ad esempio. Ogni sottocategoria va poi valutata individualmente durante il riordino.

Ti rende felice?

Prendi in mano ogni oggetto e rispondi a questa domanda. Ciò che ti rende felice rimane, tutto il resto deve sparire. Tieni presente che buttare qualcosa non significa gettare nella spazzatura, puoi dare molte cose in beneficienza o regalarle ad amici e parenti.

Se ti circonderai solo di oggetti che ti rendono felice, sarai tu stesso/a più felice.

Organizzazione

Stabilisci un posto fisso per tutti gli oggetti. Procedi anche qui per categoria: le cose appartenenti alla stessa categoria vanno sistemate nello stesso posto.

7 consigli per riordinare

Un ambiente ordinato ci aiuta ad affrontare meglio le sfide di una nuova settimana, di un nuovo mese o anno.

Nonostante tra lavoro, università & Co. non sia facile trovare il tempo per riordinare regolarmente, sarebbe importante dedicare qualche minuto ogni giorno all’eliminazione del superfluo, così da non perdere la motivazione.

Qui trovi i nostri consigli su come portare ordine in sette giorni nella tua stressante vita quotidiana.

Vorresti riuscire ad organizzarti meglio senza trascurare i tuoi doveri né l’alimentazione e l’attività fisica? Scarica la nostra agenda settimanale.

agenda settimanale gratuita

Giorni 1 e 2: vestiti

Concentrati sui vestiti della stagione attuale. Decidere ora cosa vorrai indossare tra 6 mesi è piuttosto difficile, quindi metti da parte i capi estivi che non ti serviranno per un po’. In questo modo sarà anche più facile mettere ordine tra quelli invernali. Una volta messi tutti sul pavimento o sul letto avrai davanti agli occhi la quantità di vestiti che possiedi e di cui forse ti eri dimenticato/a.

Cosa non hai ancora indossato finora?

  • Elimina dal tuo armadio le cose che non porti più e, come sempre, sii realistico/a. L’inverno è il momento ideale per donare vestiti caldi.

Giorno 3: borse, zaini e tasche

Oggi ti occupi di tasche, borse, borsoni e zaini.

  • Butta via tutto quello che non ti serve: fazzoletti usati, volantini stropicciati, caramelle scadute.
  • Ti capita di trovare cose che non riesci a spiegarti come ci siano arrivate? Rimettile a posto.

Giorno 4: cucina

Soprattutto alla fine dell’anno c’è gran fermento in cucina e l’ambiente può diventare molto caotico.

  • Non confondere il piano di lavoro con uno scaffale: metti via gli elettrodomestici che non usi quotidianamente.
  • Elimina gli elettrodomestici che usi solo una volta ogni sei mesi. Non devi buttarli, puoi donarli ad amici e parenti.
  • Guarda nella tua dispensa e butta i cibi che hanno da tempo superato la loro data di scadenza.

Lo sapevi che la data di scadenza non indica il momento in cui il cibo diventa non commestibile? Molti alimenti possono essere consumati più a lungo, soprattutto se sono stati conservati correttamente. Giudica anche con gli occhi e con il naso.

  • Regala gli alimenti che sai di non voler mangiare o deciditi a cucinarli e cerca delle ricette ad hoc. Poi posizionali in modo che siano ben visibili nella dispensa.

Cerchi ricette creative ma semplici? Dai un’occhiata al nostro ricettario per trovare nuove idee.

Insalata di patate dolci con avocado
©foodspring

Giorno 5: portafoglio

Il portafoglio: uno di quei posti dove le cose inutili si accumulano senza che tu te ne accorga.

  • Butta via gli scontrini vecchi, le carte clienti scadute e i biglietti da visita che non ti servono.
  • Metti le carte che usi poco negli appositi scomparti posteriori così avrai quelle che usi regolarmente a portata di mano.

Giorno 6: carte e documenti

Hai anche tu questo angolo del tavolo dove si accumulano lettere, giornali e bollette? Tutte queste cose andrebbero buttate via velocemente.

Conosci già a memoria l’offerta della tua pizzeria preferita o del ristorante di sushi dietro casa e se così non fosse, puoi comodamente leggere il menu online.

Giorno 7: digital life

Non vogliamo solo staccarci dalle cose materiali, nell’era odierna anche la nostra vita digitale necessita di un bel decluttering.

  • Elimina le applicazioni che non usi o usi raramente. Ai servizi digitali che utilizzi di rado potrai accedere dal browser.
  • Scorri la rubrica del cellulare e cancella i contatti di cui non avrai mai più bisogno. Siamo onesti, ognuno di noi ne ha almeno 5 salvati nel telefono, vero?
  • Cancella tutte le newsletter che non hai letto nelle ultime settimane. Scorri la tua casella di posta dell’ultimo mese e guarda quali e-mail sono ancora chiuse. Tanto lo sappiamo che ormai non le leggerai più!

Scopri come passare più tempo offline nel nostro articolo sul detox digitale.

Decluttering: in breve

Una casa ordinata ti aiuterà ad affrontare meglio la quotidianità e a raggiungere i tuoi obiettivi. Prima di riordinare, è sempre utile avere una visione d’insieme. Pensa se le cose che possiedi hanno ragione di trovare un posto in casa tua. Mantieni l’ordine ogni giorno e non dimenticare che anche nella dimensione digitale tendiamo ad accumulare troppo.

Altri articoli interessanti di foodspring:

To do list: la chiave per migliorare la produttività
La challenge dei 30 giorni: foodspring forward
Smart working: 7 consigli per allestire il proprio ufficio a casa

Fonti dell'articolo
Il team editoriale di foodspring è composto da specialisti della nutrizione e dello sport. Ci affidiamo a studi scientifici per redigere ogni nostro articolo. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra politica editoriale.
  • Kondo, Marie (2014): The Life-Changing Magic of Tidying: A simple, effective way to banish clutter forever. Vermillion: London.

Articoli correlati