lett. 4 min

Cellulite: quali sono le cause e perché è normale avere la buccia d’arancia!

cellulite

Non bisogna vergognarsi della cellulite, al contrario: è del tutto naturale e fa parte del nostro corpo! Scopri come si forma e in che modo combatterla.

Cos’è la cellulite?

Innanzitutto la cellulite è del tutto normale e non è una malattia! Si tratta più di un cambiamento della struttura della pelle, visibile sotto forma di fossette irregolari. Questo inestetismo cutaneo interessa soprattutto le cosce, la parte superiore delle braccia, i fianchi e i glutei. Si può formare per diversi motivi, ma un fattore particolarmente decisivo è la predisposizione personale.

Il settore pubblicitario ha puntato molto sulle creme anticellulite, guadagnando così una vera e propria fortuna. Tuttavia la pelle a buccia d’arancia non solo è innocua per la salute, ma è anche molto diffusa nelle donne. È del tutto normale averla!

Ma attenzione a non confondere la cellulite con la cellulite infettiva! Quest’ultima è una malattia seria che si manifesta sotto forma di dolorose infiammazioni cutanee e deve essere curata con un trattamento antibiotico.

Come si forma la cellulite?

Per capire come si forma la cellulite, vediamo prima come è strutturata la pelle. La cute è composta da tre strati: epidermide, derma e ipoderma. Costituita da strato corneo e strato germinativo, l’epidermide ci protegge dagli agenti esterni. Il derma è lo strato intermedio formato dal tessuto connettivo denso, che rende la pelle elastica e soda.

L’ipoderma, o strato sottocutaneo, è lo strato più profondo della pelle. Si tratta di un tessuto connettivo lasso all’interno del quale sono presenti i cosiddetti lobuli, che formano il tessuto sottocutaneo e sono costituiti parzialmente da adipociti (cellule adatte all’accumulo di grassi). La funzione dell’ipoderma è quella di evitare la dispersione di calore e di immagazzinare le sostanze nutritive. La quantità di adipe presente in questo strato sottocutaneo varia e dipende da fattori come il sesso e la composizione corporea.

Un elemento fondamentale per mantenere il tessuto connettivo sodo ed elastico sono le fibre di collagene. Nelle donne sono vicine e parallele, inoltre includono uno spazio intermedio flessibile. Se il tessuto connettivo è debole, le cellule adipose dell’ipoderma possono attraversare le fibre di collagene e diventare visibili sulla pelle. Si formano così le classiche fossette irregolari che chiamiamo cellulite.

In base all’impatto estetico della buccia d’arancia, è possibile individuare tre stadi:

  • Stadio 1: è visibile solo pinzando la pelle tra le mani.
  • Stadio 2: è visibile anche se la pelle rilassata e non è esposta ad alcuna luce particolare.
  • Stadio 3: è nettamente visibile.

donna con borraccia in mano
©The Good Brigade

Addome, gambe e glutei: le “aree problematiche”

Per le donne non è un segreto che l’addome, le gambe e i glutei siano le “aree problematiche” dove si deposita maggiormente il grasso corporeo. Anche la cellulite è visibile soprattutto su glutei e cosce. Ma perché proprio lì?

L’ormone estrogeno è coinvolto nella gestione del ciclo e svolge un ruolo fondamentale durante la gravidanza, ma è anche il responsabile dell’accumulo di grasso corporeo su cosce e glutei nelle donne. Queste zone sono le più colpite dalla cellulite poiché la buccia d’arancia si forma nei punti in cui l’adipe preme sul tessuto connettivo.

Inoltre l’estrogeno rende le fibre di collagene ancora più elastiche1, di conseguenza il tessuto connettivo diventa più debole e le fossette più visibili sulla pelle.

Perché la cellulite è rara negli uomini?

Può sembrare un’ingiustizia per le donne, ma gli uomini non hanno quasi mai la cellulite. Perché? Prima di tutto il loro tessuto sottocutaneo è diverso rispetto a quello delle donne2. Negli uomini le fibre di collagene hanno una struttura a rete, mentre nelle donne sono vicine e parallele. Questo vuol dire che nel corpo femminile le cellule adipose spingono più facilmente verso la superficie.

Oltre a un tessuto connettivo più debole, le donne hanno anche la pelle più sottile, di conseguenza la buccia d’arancia è più visibile. Inoltre, per natura gli uomini hanno meno adipe rispetto alle donne e la loro distribuzione del grasso corporeo è differente: lo accumulano soprattutto sulla pancia, ma spesso anche tra gli organi. L’organismo femminile invece immagazzina l’energia sotto forma di grasso sottopelle in corrispondenza delle “aree problematiche” di cui abbiamo parlato.

Inoltre l’adipe sottocutaneo è per lo più innocuo per la salute, al contrario del grasso viscerale3 detto anche grasso intra-addominale. Questo si accumula intorno agli organi interni e può causare diversi problemi, come l’ipertensione e le malattie cardiovascolari e metaboliche.

Quali sono le cause della cellulite?

La predisposizione genetica determina la presenza o meno di cellulite, quindi anche le donne snelle possono soffrire di questo inestetismo della pelle. La carenza di fibre di collagene rende debole il tessuto connettivo, che lascia passare più facilmente le cellule adipose. Il risultato? La buccia d’arancia è ben visibile. Questo è un processo del tutto normale, poiché con il passare del tempo la produzione di collagene nel corpo diminuisce.

Non puoi modificare la tua struttura genetica! Anche una quantità ridotta di collagene è del tutto normale, quindi non stressarti e impara ad accettare te e il tuo corpo. Ci sono anche altri fattori che favoriscono la cellulite, ma la buona notizia è che puoi contrastarli!

due donne fanno jogging all'aperto
©Skynesher

Mancanza di movimento

Se nella vita quotidiana fai poca attività fisica, la tua circolazione peggiora. Inoltre la massa muscolare diminuisce, mentre quella adiposa aumenta. Grazie allo sport e all’attività fisica, l’irrorazione sanguigna del corpo migliora e di conseguenza le cellule ricevono più sostanze nutritive importanti. Allenandoti comunichi al tuo fisico di sviluppare più massa muscolare e la sintesi di collagene aumenta, rendendo la tua pelle più soda.

Sovrappeso

Se la percentuale di grasso corporeo è elevata, aumenta anche lo spessore dello strato adiposo sottocutaneo. Questo significa che sono presenti più adipociti, che possono rendere la cellulite più visibile. Assicurati di adottare un’alimentazione ricca di sostanze nutritive ed evita prodotti grassi e zuccherati.

Diete estreme

Oltre a causare l’effetto yo-yo, le diete estreme possono avere conseguenze sul tessuto connettivo. Se dimagrisci molto in poco tempo, la cellulite può aumentare. Per questo ti suggeriamo di seguire una dieta bilanciata che ti permetta di raggiungere i tuoi obiettivi senza effetto yo-yo e conseguenze negative sulla salute.

Consiglio: non sai come preparare piatti gustosi con cibi sani? Lasciati ispirare dalle nostre ricette fitness!

Buddha Bowl
©foodspring
scopri le nostre ricette

Stile di vita poco salutare

Fumo, alcol e poco sonno: tutto ciò può influire negativamente sulla tua salute e sulla tua cute4. La nicotina può restringere i vasi sanguigni e ridurre la circolazione, di conseguenza il metabolismo di alcune aree può diventare più lento e la struttura di collagene del tessuto connettivo si può indebolire5.

L’alcol contiene calorie aggiuntive e il poco sonno può aumentare la tua sensazione di fame. A lungo termine questi fattori possono comportare un aumento di peso, che a sua volta può favorire la cellulite.

Consiglio: trova il tuo equilibrio e prova a sviluppare abitudini sane. A lungo andare, questo farà bene a te e alla tua salute.

In breve

  • La cellulite è innocua per la salute e del tutto normale.
  • La formazione della cellulite è genetica e dipende da un tessuto connettivo debole.
  • La struttura della pelle degli uomini è differente rispetto a quella delle donne, per questo non hanno quasi mai la cellulite.
  • Non è possibile far sparire la cellulite, ma è possibile ridurla al minimo.
  • L’attività fisica, una dieta bilanciata e uno stile di vita sano migliorano la tua salute e possono ridurre la cellulite.
Fonti dell'articolo
Il team editoriale di foodspring è composto da specialisti della nutrizione e dello sport. Ci affidiamo a studi scientifici per redigere ogni nostro articolo. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra politica editoriale.

Articoli correlati

shares